Classici francesi: tra moda, stereotipi e falsi miti

Ogni popolo è presentato in genere attraverso luoghi comuni. Noi italiani siamo confusionari, amanti del sole e della musica melodica e mangiamo sempre in dieci o più a tavola… questo almeno secondo l’immaginario collettivo. Per quanto riguarda i nostri cugini di oltralpe, i cliché che  si portano dietro sono quelli di amare il vino, saper cucinare solo piatti della tradizione nazionale, ingurgitare enormi quantità di formaggio e rifiutarsi di parlare altre lingue. Ma quali di questi corrispondono a realtà?

E’ vero, il francese medio adora il vino. Ma non disdegna altre bevande, alcooliche e non. E per quanto riguarda il luogo comune che in Francia si fuma molto, è vero: anche se le sigarette costano parecchio, è difficile vedere un francese che non fuma. Sono però in genere molto educati, spengono il mozzicone nei posacenere ed raro che la buttino a terra per strada.

Formaggi e arte culinaria: il formaggio lo si mangia sempre e ovunque: a colazione, per accompagnare un aperitivo o durante i pasti principali. La cucina francese tradizionale è molto sofisticata, ma quando si tratta di preparare un piatto di pastasciutta… beh, meglio cercare il primo ristorante “Totò” o “Ciro” nei paraggi, perché nelle case francesi è meglio non aspettarsi niente di più di un primo colloso e appiccicoso!

Anche la leggenda sulla scarsa ospitalità dei transalpini va rivista. A Parigi capita di trovare persone un po’ “snob”, ma anche gente cordialissima. Nelle città più piccole l’accoglienza è quasi sempre ottimale, e la popolazione locale cerca di capire il turista. I maggiori problemi si hanno a Parigi, dove succede che se si parla in inglese non si ottenga risposta. Per sciogliere il parigino basta affermare con un sorriso che il nostro francese è arrugginito e non vorremmo mai insultare la loro lingua, perciò utilizziamo l’inglese!

Cercate di capire anche il francese che in Italia si perde: in Francia tutto è segnalato perfettamente, le strade e le autostrade sono scorrevoli, con mille cartelli e indicazioni dettagliate, perciò è normale che restino sconcertati nelle nostra giungle urbane ed extraurbane.

Oltre a queste cose i Francesi sono celebri per alcuni tratti peculiari della loro estetica: dal baschetto portato inclinato alle maglie a righe “Breton”, dai foulard intorno al collo alle ampie gonne plissettate.

Insomma anche se ne fanno di cose curiose i francesi per quanto riguarda la moda c’è da dire che hanno quel certo non so che. Per capire di cosa stiamo parlando iscriviti a vente-privee e  scoprite lo shopping e lo stile à la française.

La Borsa Che Vorrei vi invita a scoprire una nuova fantastica esperienza online visitando il minisito dedicato. Digita una parola e scopri il modo alla francese di fare shopping.


Lascia un commento