Borse in pelle per il lavoro ed il tempo libero Alexander Wang Marion 2014

È elegante e davvero basic la borsa a spalla Marion di Alexander Wang. Sarà il colore, quel misto di grigio e antracite, saranno le linee geometriche del taglio, ma questo accessorio realizzato per il 2014 ( comunque attualissimo) ci sembra davvero perfetto per accompagnare il vostro look da ufficio.

alexander-wang-gray-prisma-marion-bag-product-1-16546760-4-755096177-normalForse è meno adatta per altre occasioni: ma de gustibus non disputandum! Se quindi la trovate adorabile anche con altri outfit, chi siamo noi per contraddirvi? Eccoci allora, come sempre, ai particolari. La borsa Marion è larga 30 centimetri, alta 22 centimetri e profonda 14 centimetro. È dotata di tracolla removibile la cui lunghezza può andare da un minimo di 82 centimetri ad un massimi di 100, e di un manico di 11 centimetri. Potete portarla a mano, a spalla o a tracolla. Il peso è di circa un chilo e mezzo.

L’hardware è in metallo con finitura color argento, compresi gli angoli che delimitano la parte anteriore, e alla base ci sono dei piedini che ne proteggono la superficie. Le cuciture sono tono su tono.

alexander-wang-gray-prisma-marion-bag-product-1-16546760-3-755096064-normalÈ realizzata in pelle scamosciata di Kudu (un antilope che vive in Sud Africa) e di mucca, in un perfetto binomio, molto gradevole all’occhio.

Sulla falda anteriore c’è la chiusura a pressione: e una volta aperta, all’interno troviamo una sorpresa bella e comoda. Si tratta di un piccolo portafoglio agganciato con una zip ma che può essere tirato fuori dalla borsa, e che ci evita di portarne un altro, andando quindi a ridurre lo spazio presente. Questo piccolo oggetto è a sua volta chiuso con una zip.

Per il resto lo spazio è libero, non ci sono altre tasche e potete organizzarlo come meglio credete.

Se quindi il vostro outfit da ufficio non può assolutamente essere completo senza la borsa a spalla Marion di Alexander Wang, sappiate che può essere vostra per circa 480 euro.

Credits Immagini www.lyst.com


Lascia un commento